Lo spettro di genere: uno scienziato spiega perché il genere non è binario 

https://cadehildreth.com/gender-spectrum/

“The Gender Spectrum: A Scientist Explains Why Gender Isn’t Binary”

January 1, 2021 By Cade Hildreth

Lo spettro di genere è una comprensione del fatto che il genere non è binario (femminile/maschile), ma piuttosto uno spettro di tratti biologici, mentali ed emotivi che esistono lungo un continuum.

Al contrario, il binario di genere, chiamato anche binarismo di genere o genderismo, è la convinzione che il genere sia composto da due generi distinti e opposti (femminile e maschile) in cui non vi è sovrapposizione.

Sfortunatamente per coloro che credono in un binario di genere, non è scientificamente o medicamente corretto. Il genere non può essere binario, perché è un’identità personale ed è socialmente costruito.

Il sesso, che si riferisce alle proprie caratteristiche biologiche, esiste anche come spettro, perché esistono le persone intersex.

Oggi, numerosi campi scientifici, tra cui biologia, endocrinologia, fisiologia, genetica, neuroscienze e scienze riproduttive, hanno confermato che sia il sesso che il genere esistono come uno spettro.

Questo è vero per gli esseri umani e in tutto il regno animale.

Il sesso (e il genere) sono bimodali, non binari

Quando si utilizzano i termini sesso e genere, è importante notare che il “sesso” (femminile/maschio/intersex) descrive i tratti biologici. Al contrario, “genere” è un termine più ampio che riflette il modo in cui una persona vive all’interno della società. La propria identità di genere potrebbe essere donna, uomo, transgender, non binario o un numero infinito di altre possibilità.

Per troppo tempo il governo, il sistema medico e persino i nostri genitori hanno creduto che il sesso fosse binario. Sulla base della scienza, questo non è accurato dal punto di vista biologico o medico.

Ciò che è vero è che le caratteristiche sessuali tendono ad essere bimodali, il che significa che ci sono gruppi di caratteristiche che tendono ad essere associate a persone che chiamiamo “femmina” o “maschio”.

In media, i maschi hanno peni e, in media, le femmine hanno vagine. Questo è ciò che consente la riproduzione. Tuttavia, ci sono molti esempi in cui non è così, come le persone intersex. I genitali esterni (un marcatore biologico del sesso) si presentano in uno spettro che va dal pene a grandezza naturale al pene piccolo, al micro-pene, al clitoromegalia, al clitoride allargato, al clitoride di dimensioni standard.

In media, i maschi tendono ad avere cromosomi XY e le femmine tendono ad avere cromosomi XX. Tuttavia, anche i cromosomi sessuali sono disponibili in un’ampia varietà, con almeno 16 diverse variazioni naturali (vedi i dettagli di seguito). Ciò significa che anche la presentazione cromosomica non è binaria.

In media, i maschi tendono ad avere più peli sul viso e sul corpo rispetto alle femmine (una caratteristica sessuale secondaria), ma ci sono anche femmine con peli sul corpo grossolani e densi e maschi che non riescono a farsi crescere la barba.

In media, i maschi tendono ad essere più alti delle femmine, ma ci sono sicuramente femmine più alte di alcuni maschi. Se la struttura scheletrica (un marcatore biologico del sesso) fosse binaria, allora tutti i maschi dovrebbero essere più alti di tutte le femmine, cosa che ovviamente non è.

Come spiegato da questi esempi, il sesso non è binario, perché le persone non possono essere raggruppate in due gruppi separati e non sovrapposti.

Tuttavia, le caratteristiche sessuali bimodali non sono rare.

Bimodale significa la presenza di due modalità statistiche (“bi”), che possono essere viste come picchi in un grafico. Le due modalità rappresentano cluster di probabilità.

Per quanto riguarda il sesso umano, ciò significa che per alcune caratteristiche sessuali possono esistere norme comuni tra le persone che tendiamo ad assegnare come “maschio” e “femmina”. Tuttavia, ci sono anche chiaramente sovrapposizioni presenti tra i picchi. Questo è ciò che rende il sesso bimodale e non binario.

Infine, a rischio di diventare troppo matematica, una distribuzione bimodale è per definizione una distribuzione di probabilità continua con due modi diversi.

In altre parole, è uno spettro che ha raggruppamenti.

Perché i genitali non determinano il sesso?

Per quanto riguarda l’assegnazione del sesso alle persone tramite i loro genitali esterni, è un sistema nella migliore delle ipotesi impreciso. Ci sono diverse ragioni per questo, come descritto di seguito.

1) I genitali esterni sono diversi

Negli esseri umani appena nati, i genitali sono estremamente diversi per dimensioni e forma. Fino alla settimana 7-8 circa di gravidanza, tutti i feti hanno quella che è nota come “cresta genitale”.

Questa cresta genitale è il tessuto che alla fine diventa gli organi sessuali.

Al momento della nascita, i genitali di un neonato sono solitamente etichettati da un medico come maschio o femmina, anche se il neonato presenta organi sessuali o caratteristiche intersex, ambigue o indefinite. In alcuni luoghi, come l’Ontario (Canada), 19 stati degli Stati Uniti e Washington, DC, ora esistono opzioni “non binarie” o “genere non specificato”, ma questa non è ancora la norma.

Tutti gli organi sessuali provengono dalla stessa cresta genitale, con i testicoli negli uomini che sono equivalenti alle labbra e alle ovaie nelle donne e il pene è equivalente al clitoride.

Questo è il motivo per cui il pene e la vagina non esistono come binario, ma piuttosto come uno spettro che include quanto segue:

• Pene a grandezza naturale

• Pene piccolo

• Micro-pene

• Clitoromegalia, chiamata anche “Pseudopenis”

• Clitoride ingrandito

• Clitoride di dimensioni standard

2) Le persone intersex esistono

Intersex significa che una persona è nata con variazioni nelle sue caratteristiche sessuali, come i marcatori biologici descritti sopra. Questi possono includere: genitali interni, genitali esterni, gonadi, cromosomi, espressione genica, livelli ormonali e struttura cerebrale.

La ricerca attuale stima che le persone intersex costituiscano l’1,7% della popolazione, il che rende l’intersex tanto comune quanto avere i capelli rossi.

Tuttavia, questa metrica è sottovalutata per i seguenti motivi:

1. La maggior parte dei medici, dei genitori o degli individui non rilascia queste informazioni mediche riservate.

2. Ci sono forme sottili di variazioni del sesso che non si manifestano fino a tardi nella vita e che non sono documentate.

3. Le definizioni di cosa sia l’intersex non hanno raggiunto il consenso.

I seguenti esempi spiegano questa mancanza di consenso:

o Quanto deve essere piccolo un pene prima di essere considerato intersex?

o Contate le variazioni dei cromosomi sessuali se non c’è ambiguità sessuale esterna?

o I livelli di ormoni sessuali insolitamente alti o bassi (estrogeni, progesterone, testosterone) rendono qualcuno intersex?

o In caso affermativo, quanto devono essere alti o bassi questi livelli di ormoni e dov’è il “cut-off”[tagliato fuori]? (Il Comitato Olimpico ha lottato strenuamente con questa domanda.)

o Come si classifica una persona le cui caratteristiche sessuali secondarie (peli del corpo, peli del viso o massa muscolare, per esempio) non corrispondono ai loro genitali?

Poiché queste domande illuminano, il sesso può essere uno spettro anche per le persone che non sono state classificate come intersex.

E i cromosomi?

Mentre i cromosomi sono un altro tratto biologico che alcune persone cercano di usare per spiegare il binario sessuale (maschio/femmina), anche i cromosomi sono vari e diversi nella specie umana. In media, la maggior parte delle persone a cui è stato assegnato un maschio alla nascita ha cromosomi XY, mentre la maggior parte delle persone a cui è stata assegnata una femmina alla nascita ha cromosomi XX.

Tuttavia, esistono spesso altre variazioni cromosomiche sessuali come risultato della perdita, del danno o dell’aggiunta di uno o entrambi i cromosomi sessuali.

Negli esseri umani, le seguenti variazioni dei cromosomi sessuali sono presenti in natura:

• 45, X, chiamata anche sindrome di Turner

• 45,X/46, detto anche mosaicismo XY

• 46, XX/XY

• 47, XXX, chiamata anche Trisomia X

• 47, XXY, detta anche sindrome di Klinefelter

• 47, XYY con fenotipo normale

• 48, XXXX

• 48, XXXY

• 48, XXYY

• 49, XXXXY

• 49, XXXXX

• Sindrome maschile XX

• XX Disgenesia gonadica

• Disgenesia gonadica XY

Laddove la disgenesia gonadica è elencata sopra, si riferisce al tessuto riproduttivo (gonadi) che viene sostituito da tessuto fibroso non riproduttivo durante lo sviluppo prenatale.

Inoltre, anche un neonato nato con cromosomi sessuali “binari” (XY o XX) può presentare caratteristiche intersex.

Ad esempio, sia il feto che le ghiandole surrenali della madre possono produrre livelli elevati di androgeni. Quando ciò accade, un bambino XX (“femmina”) può nascere con un fallo (pene piccolo). In alcuni casi, questi neonati possono sembrare avere uno scroto, a causa della fusione delle labbra.

Allo stesso modo, un bambino XY (“maschio”) può nascere con un deficit enzimatico, come il deficit di 5-alfa e il deficit di 17-beta deidrogenasi. Quando ciò accade, quel bambino “maschio” può nascere senza pene ed etichettato come “femmina” alla nascita.

Altre condizioni biologiche possono creare incongruenze simili tra cromosomi e genitali. Questo è il motivo per cui è un peccato che i documenti federali e statali utilizzino i genitali esterni per assegnare un sesso.

Sesso contro genere

Ovviamente, sesso e genere non sono completamente separati l’uno dall’altro. In molte culture, sono intrecciati.

Esempi di questo includono:

• Persone con due spiriti per nativi americani/persone delle Prime Nazioni

• Hijra per le persone dell’Asia meridionale (nota anche come Kinnar o Kinner)

• Māhū per le culture Kanaka Maoli (hawaiana) e Maohi (tahitiana)

• Fakaleiti per i tongani

• Ffa’afafine per i samoani

•                      E molti altri

Una delle persone che ha fatto un lavoro fenomenale nel decostruire il concetto che sesso e genere sono separati è Alok Vaid-Menon.

Alok descrive l’idea prevalente che il genere è “culturale” ed esteriore e il sesso è “biologico” come negligente del fatto che il sesso biologico è anche culturale. Alok spiega che, contrariamente alle credenze occidentali, molte altre culture non percepiscono l’abbigliamento o l’ornamento come un supplemento al corpo, ma come fondamento della sua costituzione.

Perché uno spettro di genere?

Ora che abbiamo confermato l’esistenza di uno spettro sessuale, che ne dici di uno spettro di genere?

Come persona non binaria, ho sentito persone dire cose del tipo: “Il genere è determinato da ciò che hai nei pantaloni. Se hai un pene sei un uomo. Se hai una vagina, sei una donna”.

Tuttavia, come scienziato, posso dirti che anche il genere è complesso e che, in tutte le specie, esiste come spettro.

Attualmente, il genere viene assegnato alla nascita in base ai genitali esterni, ma ci sono almeno dieci marcatori di genere accurati dal punto di vista medico (e probabilmente di più).

I marcatori biologici di genere includono:

1. Cromosomi – Tipi di espressione cromosomica.

2. Gonadi – Organi che producono gameti (testicoli o ovaie).

3. Ormoni – Tipi e livello di secrezione ormonale, che variano all’interno e tra i sessi.

4. Caratteristiche sessuali secondarie – Caratteristiche che compaiono durante la pubertà, ma non sono coinvolte nella riproduzione.

5. Genitali esterni – Genitali visibili all’esterno del corpo.

6. Genitali interni – Genitali presenti all’interno del corpo.

7. Struttura scheletrica – Si possono osservare differenze di sesso nella pelvi, nell’osso mascellare, nella fronte e nella lunghezza e nello spessore degli arti.

8. Espressione genica – Livelli e tipi di espressione genica. I geni dettano le proteine ​​prodotte dal corpo. I geni noti che influenzano il sesso includono DMRT1, SRY (produce il fattore determinante il testicolo) e Foxl 2.

9. Struttura del cervello – Sia le caratteristiche della struttura del cervello (incluso il rapporto tra materia bianca che materia grigia) ei modelli di attivazione del cervello variano in base al sesso.

10. Identità personale – Come una persona si autoidentifica. Spesso è il risultato dell’interazione di altri fattori, che lo rendono un indicatore prezioso.

Genere e cervello

Il cervello è un altro marcatore biologico di genere che presenta una grande diversità, supportando ulteriormente il concetto di spettro di genere.

In un affascinante studio pubblicato nel maggio 2018 dalla Società Europea di Endocrinologia, i ricercatori hanno scoperto che “l’attività e la struttura del cervello negli adolescenti transgender assomigliano più da vicino ai tipici modelli di attivazione del genere desiderato”.

Quando le scansioni MRI di 160 giovani transgender sono state analizzate utilizzando una tecnica chiamata imaging del tensore di diffusione, il cervello dei ragazzi transgender assomigliava a quello dei ragazzi cisgender, mentre il cervello delle ragazze transgender assomigliava al cervello delle ragazze cisgender.

In parole povere, il cervello dei bambini transgender assomiglia alla loro identità di genere e non al loro sesso biologico.

Cisgender significa che l’identità di genere di una persona si allinea con il sesso assegnatole alla nascita, mentre transgender significa che l’identità di genere di una persona non si allinea con il sesso assegnatole alla nascita.

Come affermato da Julie Bakker, ricercatrice capo dell’Università di Liegi, “Ora abbiamo prove che la differenziazione sessuale del cervello differisce nei giovani con[disforia di genere], poiché mostrano caratteristiche funzionali del cervello che sono tipiche del loro genere desiderato”.

Questo studio ha esplorato il cervello di ragazze cis, ragazzi cis, ragazze trans e ragazzi trans. Il prossimo passo è che più sessi e generi vengano integrati all’interno di questa ricerca sulle neuroscienze

Il ruolo della mente contro il cervello

Ovviamente anche il cervello e la mente sono due cose diverse.

Il cervello è la struttura fisica nella tua testa composta da materia grigia e bianca. Ha neuroni che si attivano al suo interno e usa i neurotrasmettitori come messaggeri chimici.

Il cervello può essere pensato come il tuo processore centrale, perché integra e facilita tutte le funzioni all’interno del tuo corpo.

Come notato da Julie Bakker (ricercatore capo nello studio MRI di cui sopra) e altri, la struttura del cervello e i modelli di attivazione sono presenti lungo uno spettro.

La mente, invece, è il prodotto cosciente di quell’attività biologica che crea emozioni, idee, ricordi, interpretazioni e pensiero creativo.

Determina la tua personalità, gioca un ruolo nel modo in cui preferisci presentarti e influisce sul modo in cui interagisci con il mondo. La mente gioca un ruolo centrale nella tua identità di genere.

Identificazione del sesso e del genere alla nascita

Come descritto sopra, i genitali esterni non sono un indicatore preciso di genere da utilizzare alla nascita, perché sono uno degli almeno 10 indicatori di genere biologicamente rilevanti.

Anche i genitali esterni sono molto variabili nella nostra specie, possono essere ambigui e potenzialmente possono avere organi sessuali sia maschili che femminili presenti.

Inoltre, eseguire questa assegnazione di genere alla nascita sulla base dei genitali esterni consente al medico di integrare le informazioni sui genitali interni, le gonadi, i cromosomi, l’espressione genica, la struttura scheletrica, la struttura del cervello e, soprattutto, come il bambino crescerà ed esprimerà stessi all’interno della società.

Anche se non siamo contrari all’opzione di annotare il sesso sul certificato di nascita di un bambino, siamo contrari a:

1. Il requisito che i genitori scelgano un sesso per il loro bambino. I genitori dovrebbero essere autorizzati a non indicare un sesso per il loro bambino se questa è la loro preferenza.

2. Opzioni binarie per il sesso, quando è chiaro che il sesso esiste lungo uno spettro. Per lo meno, dovrebbe esserci la possibilità di scegliere Femmina (F), Maschio (M) o Altro (X).

3. Che il sesso sia incollato a un bambino per il resto della sua vita, a meno che non presentino documenti medici per dimostrare il contrario.

 Diversità di genere nel regno animale

Infine, la diversità di genere è ampiamente presente in tutto il regno animale. Ad esempio, cavallucci marini, pesci ago e draghi marini hanno tutti la gravidanza come processo riproduttivo maschile. In queste specie, il maschio feconda le uova che vengono depositate in una sacca nella sua pancia e poi trasporta i suoi embrioni in via di sviluppo fino a quando non sono pronti per essere partoriti.

In un altro esempio, le iene maculate femmine hanno uno pseudo-pene che è in grado di erezione e può raggiungere il 90% delle dimensioni del pene di una iena maschio.

Hanno due masse carnose alla base del loro pseudopene che contengono grasso e tessuto connettivo che sembrano analoghi a uno scroto. Dove ti aspetteresti che ci sia una vagina, le femmine di iena maculata hanno le labbra fuse. Anche le iene maculate femmine dominano i maschi dal punto di vista comportamentale.

Anche i polli possono naturalmente subire cambiamenti di genere. Questo perché i polli femmine usano solo un’ovaia funzionale sul lato sinistro. Tuttavia, hanno due organi sessuali che sono presenti dalla loro fase embrionale in poi attraverso la loro vita. Se l’ovaio sinistro si restringe all’interno di una gallina, la sua gonade destra può iniziare a secernere androgeni, trasformando la gallina in un gallo.

In breve, sesso e genere esistono come uno spettro per umani e animali (e in effetti anche per le piante). Potremmo anche abbracciarlo, perché dopo tutto, la variazione naturale ha causato l’aumento della nostra specie a 7,8 miliardi di persone!

BIOGRAFIA DELL’AUTORE: Cade Hildreth [they/them] hanno frequentato il Dartmouth College & Smith College for Undergraduate Studies in Biology e poi hanno acquisito un Master in Biochimica e Biologia Molecolare con specializzazione in Biotecnologia presso la Georgetown University, dove sono stati Valedictorian [lo studente, in genere con i più alti risultati accademici della classe, che pronuncia il discorso di commiato durante una cerimonia di laurea]. Cade sono il fondatore/presidente di BioInformant.com, il sito di notizie più grande al mondo sull’industria delle cellule staminali che attira quasi un milione di visualizzazioni all’anno e serve clienti all-star che includono GE Healthcare, Pfizer, Goldman Sachs, PerkinElmer e Merck. Cade sono autore di oltre mille articoli sull’industria delle cellule staminali e hanno intervistato centinaia di dirigenti di tutto il settore. In qualità di esperto di media sulle cellule staminali, Cade sono stati intervistato dal Wall Street Journal, dal Los Angeles Business Journal, da Xconomy e dal Vogue Magazine. In qualità di investitore immobiliare professionale, Cade possiedono un portafoglio di proprietà residenziali e commerciali.