Rappresentazione intersex in TV: Call The Midwife ha capito bene? 

https://divamag.co.uk/2019/02/10/intersex-representation-on-tv-did-call-the-midwife-get-it-right/

Il giornalista di DIVA Valentino Vecchietti risponde alla quinta puntata del dramma [Chiama l’ostetrica] della BBC

Un’ondata di panico ha attraversato la comunità intersessuale quando abbiamo saputo che ci sarebbe stato un personaggio intersessuale nell’episodio di “Call The Midwife” [Chiama l’Ostetrica] di stasera (10 febbraio 2019).

A livello internazionale, le persone intersex si sono scambiate messaggi condividendo le loro preoccupazioni. Molti hanno espresso la preoccupazione che lo spettacolo abbia consultato persone intersex. Molti hanno chiesto se il personaggio sarebbe stato trattato con compassione, dignità e rispetto.

L’intersex è già frainteso perché c’è così poca rappresentanza in televisione, film e media. Se un programma sbaglia, potrebbe causare così tanti danni.

Sono una figura di spicco nel movimento intersex del Regno Unito e nella campagna per i diritti all’uguaglianza intersex. Ho risposto a questa situazione contattando Jeni Noel di Ian Johnson PR. Jeni ha lavorato con Call The Midwife della BBC dall’inizio della serie.

Circa l’1,7% della popolazione nasce con variazioni intersex. Nel Regno Unito questo significa che siamo oltre 1,1 milioni. Esistono più di 40 variazioni distinte e naturali nelle caratteristiche sessuali. Queste sono differenze fisiche nei nostri cromosomi, genitali interni o esterni e schemi ormonali. Le variazioni includono: Swyers, Turners, Klinefleters, Iperplasia surrenale congenita (CAH), Ipospadia, Sindrome di Mayer-Rokintansky-Küster-Hauser (MRKH) e Sindrome da insensibilità agli androgeni (AIS).

AIS è la variazione che il personaggio, Lois, ha in Call The Midwife. Il suo vecchio nome è Sindrome da femminilizzazione testicolare. Si scopre che i feti XY sono insensibili agli androgeni e quindi i bambini nascono con genitali esterni che sembrano femminili. Questa variazione in genere non viene scoperta fino a quando non si verifica la pubertà.

Abbiamo bisogno di una rappresentazione accurata e rispettosa in televisione e nei media in generale. Se l’intersex è conosciuto e accettato dalla società, potremmo vivere senza paura o stigma.

Attualmente, le persone con variazioni nelle loro caratteristiche sessuali affrontano molte violazioni dei diritti umani nel Regno Unito e in tutto il mondo. I neonati con alcune variazioni nascono con genitali visibilmente intersex. Nella maggior parte dei casi, vengono sottoposti a interventi chirurgici genitali dannosi, non consensuali, cosmetici, per conformare il loro corpo alle aspettative tipiche del corpo maschile o femminile. Facciamo campagne in tutto il mondo affinché gli interventi chirurgici non consensuali finiscano.

Crediamo che dovremmo essere liberi di decidere se sottoporci a un intervento chirurgico quando siamo adulti che possono essere d’accordo. La chirurgia estetica non dovrebbe essere imposta ai bambini. I genitori accettano questi interventi chirurgici perché gli viene detto che la società non può accettarci e che l’intervento ci impedirà di essere vittime di bullismo e ostracizzati.

Sensibilizzare l’opinione pubblica è la chiave per cambiare il modo in cui veniamo trattati. Questo è il motivo per cui è così importante essere rappresentati nei media con compassione, dignità e accuratezza.

Jeni Noel è appassionata di Call The Midwife e di ciò che rappresenta. Mi ha rassicurato che lo spettacolo ha consultato una persona con questa variazione per il personaggio di Lois. Jeni mi ha inviato un’anteprima dell’episodio cinque in modo che potessi discutere di eventuali dubbi che potevo avere.

Ann Tricklebank, produttrice della serie e produttrice esecutiva della serie otto, ha aggiunto: “Ci auguriamo che le persone con questa variazione sentano che abbiamo cercato di affrontare alcune delle sfide emotive che devono affrontare nel modo più sensibile possibile”.

Il team comprende anche l’importanza della sensibilizzazione. Ann ha continuato dicendo: “Speriamo che i milioni di persone che guardano Call The Midwife avranno una comprensione più profonda di questa variazione, che ora sappiamo essere più comune di quanto pensassimo inizialmente”.

So che come spettacolo storico, Call The Midwife può farlo bene quando si tratta di rappresentare gruppi minoritari. I suoi archi narrativi hanno rappresentato con successo l’ignoranza e le violazioni dei diritti umani che si verificano nelle strutture mediche. Tuttavia, ha anche trattato le storie delle famiglie con compassione e speranza.