“Capire l’intersex”

Studio privato, marzo 2018 di Jane Czyzselska

https://www.bacp.co.uk/bacp-journals/private-practice/march-2018/understanding-intersex/

Cosa devono sapere i terapisti quando lavorano con clienti intersex

Seven (ex Sarah), che usa i pronomi loro / loro / loro, hanno cercato per la prima volta la consulenza a metà dei vent’anni, un viaggio terapeutico che continua ancora oggi, 16 anni dopo. Fu più o meno in questo periodo che scoprirono anche che i medici avevano eseguito una gonadectomia (la rimozione delle gonadi interne) dopo aver male informato sia Seven – allora di otto anni – che i loro genitori, dicendo loro che stavano rimuovendo le “ovaie” di Seven per prevenire il cancro.

Seven ritiene che l’abuso sessuale che hanno subito successivamente dopo l’operazione sia collegato alla vulnerabilità che sentivano di essere stati costretti a sottoporsi a un intervento chirurgico, lasciandoli “completamente alienati da tutti a scuola”. Seven crede che ‘nessuno capisca’ cosa significhi essere intersex e vedersi asportare o alterare chirurgicamente le gonadi o i genitali da bambini, e questa convinzione ha presentato difficoltà in alcuni contesti terapeutici in cui hanno sentito che potrebbero non essere mai veramente visti o accettati da un consulente medico.

Eden descrive anche in lacrime le sue esperienze per mano del personale medico, sentendosi come se il suo corpo fosse stato “derubato”, “toccato in modo inappropriato” dai medici e “abusato sessualmente” da suo padre da bambina. Sebbene cresciuta da ragazzo, ricorda di aver pensato: “Quando raggiungerò la pubertà, riprenderò la mia vagina”, e quando ciò non accadde, dopo aver provato “modi violenti per uccidermi”, in seguito decise di passare con una ricostruzione genitale che “è andata terribilmente storta”.

Sia Seven che Eden sono partecipanti alla ricerca che hanno generosamente condiviso le loro storie per la mia tesi di master in psicoterapia integrativa, che esamina le esperienze in terapia di cinque clienti nati con caratteristiche intersex. Questo studio qualitativo, utilizzando il metodo di analisi fenomenologica interpretativa, ha scoperto che quasi tutti i terapisti visti dai co-partecipanti non sapevano nulla delle vite e delle esperienze intersex. In modo rassicurante, nonostante questo fatto, la maggior parte dei partecipanti ha trovato utile la terapia. Un cliente, Del, ha riferito di lavorare con un terapeuta che, pur non essendo eterosessuale, aveva una comprensione ‘binaria’ del genere, e questo ha reso impossibile l’esplorazione empatica del corpo di Del, provocando la riproduzione ripetuta di dinamiche relazionali dannose o, per usare la psicodinamica terminologia, promulgazione/emanazione.

Intersex

Risonanze personali: mia madre, che ora ha 75 anni, ha perso il suo gemello intersex, Paul, quando un medico lo avvolse in una coperta e lo mise da solo piangendo in una stanza, dove fu lasciato morire. È mia convinzione che sia stato assassinato a causa dei suoi genitali atipici. Mia madre dice che quando parla di lui, sente ancora Paul sul braccio contro il quale si è sdraiato per nove mesi quando hanno condiviso il ventre della madre.

La sua morte, per mano di un medico, e il conseguente trauma vissuto da mia madre, mia nonna e una famiglia più ampia, influenzano la mia convinzione nella necessità di riconoscimento e trattamento etico delle persone nate con caratteristiche intersex. La mescolanza di narrazioni personali e professionali ha spinto la mia decisione di scrivere l’articolo del mio master sull’esperienza dei clienti intersex in terapia. Questo posizionamento etico è anche informato da ciò che la psicologa Katrina Roen definisce “teorizzazione femminista e queer che sfida le affermazioni sul genere come fisso e conoscibile”. 1

Quindi, prima di affrontare alcuni punti chiave sul lavoro con i clienti intersex e le loro famiglie, diamo un’occhiata al termine intersex e consideriamo perché questo gruppo di clienti è così invisibile. Intersex è un termine generico che si riferisce alle caratteristiche sessuali biologiche. Viene utilizzato da medici e altri per fare riferimento ad anomalie dello sviluppo: genitali, ormoni, gonadi e / o modelli cromosomici che non si adattano alle definizioni binarie tipiche di maschio o femmina. Gli attivisti intersex lo descrivono come un termine applicato agli esseri umani “il cui sesso biologico non può essere classificato come chiaramente maschio o femmina”. 2

Alcuni esempi dei tipi di anomalie presenti tra quelli nella popolazione intersex possono includere: nascere con un clitoride più grande del previsto (clitoromegalia), o nel caso di quelli con diagnosi di sindrome da insensibilità agli androgeni (AIS), il neonato AIS il neonato ha genitali di aspetto femminile, testicoli non scesi o parzialmente discesi e di solito una vagina corta senza cervice. Occasionalmente, la vagina è quasi assente.

All’inizio della pubertà, gli individui intersex possono iniziare a sviluppare caratteristiche sessuali secondarie tipicamente considerate appartenenti al “sesso opposto”. Ad esempio, i nati con la sindrome di Klinefelter (KS) saranno generalmente sterili. Alla pubertà, i livelli di testosterone nel sangue negli uomini con KS sono inizialmente normali, ma potrebbero non riuscire a raggiungere il range previsto per adulti dall’età di 14 anni in poi.

Lo stato di intersex è diverso dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere di una persona. Una persona intersex può essere eterosessuale, gay, lesbica, bisessuale o asessuale e può identificarsi come femmina, maschio, entrambi o nessuno dei due. Vale la pena notare che alcune persone intersex si identificano anche come trans e altre no. Ad aggiungere la beffa al danno – almeno per quanto riguarda la maggior parte degli attivisti intersex – è l’uso del termine ‘Disordine dello sviluppo sessuale’ (DSD), che è emerso dal dibattito e dalla successiva creazione di una Dichiarazione di Consenso dopo una convenzione a Chicago nel 2005, dove è stato concordato che il termine avrebbe sostituito “intersex” e “ermafrodito” nella letteratura medica. Il termine è controverso a causa dell’implicazione che ciò che accade naturalmente è considerato un “disturbo” e quindi rafforza i discorsi di patologia e non normatività per le persone intersex.

Dal 2013, la chirurgia genitale eseguita su bambini intersex è stata descritta come una violazione dei diritti umani e l’utilizzo di giustificazioni psicosociali per la normalizzazione della chirurgia è ora contestato. Nel Regno Unito, non esistono leggi per proteggere i bambini con diagnosi di DSD (condizioni di intersex) dall’intervento chirurgico, che cerca di assegnare una categoria di sesso. Una scheda informativa sulle persone intersex, prodotta dalle Nazioni Unite per l’uguaglianza LGBT, afferma: “Le persone intersex sono spesso soggette a discriminazioni e abusi se si viene a sapere che sono intersex o se vengono percepite non conformi alle norme di genere”. 3Sono spesso oggetto di discriminazione perché coloro che lavorano nella fornitura di assistenza sanitaria pubblica e privata spesso mancano della formazione o delle conoscenze per fornire cure adeguate e rispettare l’autonomia ei diritti delle personeintersex all’integrità fisica e alla salute. Questi casi di discriminazione non sono aiutati dalle leggi anti-discriminazione esistenti, che non li proteggono.

Statistiche

Le statistiche attuali suggeriscono che esiste una popolazione britannica significativa di circa 358.105 persone con variazioni intersex. 4 Ciò non si riflette nel panorama terapeutico, con pochi terapisti che riconoscono o conoscono questo gruppo di clienti, né si identificano esplicitamente come intersex. Inoltre, questo gruppo di clienti non è visibile nella letteratura terapeutica o incluso nei curricula di consulenza e psicoterapia.

Secondo gli attivisti per i diritti intersex, ogni anno circa uno su 2.000 nati vivi ha caratteristiche intersex e uno su 200 di questi bambini nasce con genitali visibilmente varianti che non si adattano alle tipiche definizioni binarie di maschio o femmina. 5 La cifra reale è difficile da accertare poiché la maggior parte delle persone nate con caratteristiche intersex non ha anatomie esterne varianti. Tra i nati con caratteristiche intersex, alcuni bambini saranno identificati alla nascita, alcuni potrebbero essere identificati durante l’infanzia, alcuni nell’adolescenza e alcuni molto più tardi nella vita, sebbene alcuni non lo siano mai.

Il motivo per cui questo gruppo di clienti è rimasto nascosto fino a tempi relativamente recenti è in gran parte il risultato del protocollo medico sviluppato dallo psicologo John Money negli anni ’50, le cui teorie sugli ermafroditi (un termine usato dai clinici all’epoca, ma ora non più in uso) sono ancora utilizzato come base per le attuali pratiche di trattamento. Roen spiega che Money e colleghi hanno proposto che la riassegnazione sessuale di bambini con sesso atipico sarebbe possibile se effettuata prima di un’età critica e se il bambino fosse cresciuto in modo inequivocabile all’interno del ruolo di genere coerente con il loro nuovo sesso. 6Riferendosi alle “donne ermafrodite”, Money ha anche insistito sul segreto post-chirurgico per tutta la vita. Questo protocollo è stato seguito nelle principali nazioni occidentali in cui coloro che non appartengono a “maschio” o “femmina” non sono riconosciuti come validi e invece subiscono trattamenti che “rendono invisibile l’intersex e la mantengono vergognosa: qualcosa che deve essere nascosto o cancellato “. 6 Questi contesti storici producono le condizioni attualmente accettate per la cancellazione intersex.

Perché le persone intersex possono cercare una terapia

I dati della mia ricerca hanno mostrato che tre partecipanti su cinque cercavano inizialmente una terapia per problemi derivanti dalla consapevolezza che avevano caratteristiche intersex. Le restanti due hanno avuto accesso alla terapia per ragioni connesse, ma non originate inizialmente dalla loro variazione intersex. Ciò suggerisce che il sostegno alla consulenza ricercato dai clienti intersex sia implicitamente ed esplicitamente connesso al trauma di essere intersex in un mondo che non riesce a riconoscere la loro esistenza e allo stesso tempo patologizza il loro stesso essere.

Una scoperta chiave nei dati della ricerca conferma ulteriormente il fallimento del protocollo medico standard: nessun partecipante si è completamente identificato con la categoria di sesso assegnata alla nascita. Inoltre, poiché gli interventi chirurgici vengono eseguiti senza il consenso del bambino, causano “gravi sofferenze mentali”. 7 Anche le “ipotesi eteronormative” – ​​cioè il privilegio di presentazioni cisgender ed eterosessuali “alla base di una serie di interventi medici correlati all’intersex” 8 – sono state messe in discussione.

In uno studio pilota sul disagio psicologico causato sia dalla gestione medica ricevuta che dallo stigma proiettato sui corpi intersex, Schuetzman e allievi notano che “ gli adulti con DSD sono notevolmente stressati psicologicamente, con tassi di tendenze suicide e comportamenti autolesionistici a un livello paragonabile a donne non DSD con una storia di abuso fisico o sessuale ‘.

 9L’impatto di esperienze chirurgiche dannose cumulative, come dettagliato dai partecipanti, rischia di incidere sul senso del diritto di esistere delle persone intersex e sulla loroincarnazione (identificarsi nel corpo) . Un corollario di questo intervento chirurgico non consensuale è notato da Leidolf, che osserva che, senza conoscenza e consenso informato, il potenziale di ulteriori abusi è notevolmente aumentato, con i bambini intersex resi più vulnerabili all’essere vittime di predatori sessuali. 10

Identità di genere nella terapia con i clienti intersex

Nel lavoro psicoanalitico con questo gruppo di clienti, l’attenzione nella letteratura è sull’identità di genere. Infatti gli psicoterapeuti in questo campo, e sospetto attraverso una gamma più ampia di modalità terapeutiche, hanno tentato di stabilire un “vero sesso” e un’identità di genere normativa e una sessualità “stabile” con i loro clienti intersex. Si consiglia ai praticanti che non sono intersex di essere riflessivi sulla propria relazione con le loro fisiologie di genere prima di intervenire nella vita degli altri.

Mentre c’è sicuramente un posto per esplorare l’identità di genere quando si lavora con alcuni in questo gruppo di clienti, ci sono altre aree importanti da considerare, come (l’incarnazione) identificarsi nel corpo, i traumi legati alla chirurgia e l’autonomia corporea. In letteratura, Harper et allievi affermano: “… l’affermazione dell’identità del cliente e dell’esperienza vissuta” è un’importante competenza terapeutica di base. 11 Un risultato chiave della mia ricerca lo ha supportato, dimostrando che quando la terapia ha funzionato per i clienti, era perché il terapeuta aveva creato un ambiente in cui l’esplorazione di sé non giudicante sembrava possibile e che ha permesso a un partecipante, Jo, “di essere più aperto”.

Una certa conoscenza delle esperienze intersex è fondamentale quando si lavora con questo gruppo di clienti e le loro famiglie. La ricerca mostra che quando il terapeuta usa i propri clienti intersex per essere più informati (per aggiornarsi), c’è il pericolo di ri-traumatizzazione, come ulteriormente esemplificato da Seven, che ha affermato di aver trovato problematica l’esperienza di essere “posizionati come esperti ” dai terapisti riguardo alle questioni intersex, aggiungendo che ciò ha contribuito a creare una sensazione di “disconnessione” tra di loro.

La mancanza di conoscenza del terapeuta significava che i clienti sentivano che non era possibile lavorare in profondità su questioni direttamente correlate al loro essere intersex. Eden suggerisce che questa mancanza di conoscenza da parte del terapeuta era una barriera per un’esplorazione più profonda di come fosse per lei essere intersex e transgender. Detto questo, Jo ha sentito che il suo terapista le ha dato lo spazio per esplorare cosa significa avere un corpo atipico. Jo ricorda anche di aver assunto l’etichetta di “intersex” come categoria politica oltre che medica solo quando ha iniziato a entrare in contatto con altri attivisti politici e ha sviluppato un senso di comunità. Il permesso esplicito di discutere di essere intersex dato da un terapeuta ha aiutato Del a “sentirsi meglio” riguardo all’essere intersex: “Non mi sentivo come se essere intersex fosse un problema e lui non aveva un problema”.

Trauma da terapeuta vicario

Durante la ricerca e la scrittura del mio studio, ho riflettuto sull’impatto dell’essere la figlia adulta di una donna sopravvissuta all’omicidio del suo gemello intersex. È impossibile sapere come il mio trauma intergenerazionale familiare e il profondo dolore che ho provato si siano intrecciati con le storie di traumi e ingiustizie che ho sentito mentre facevo ricerche sulla vita delle persone intersex. Non ho trovato nulla nella letteratura che esplorasse il trauma potenziale e/o effettivo vissuto dagli psicoterapeuti che lavorano a fianco di questo gruppo di persone altamente stigmatizzato, emarginato e oppresso. C’è, tuttavia, la ricerca sullo stress traumatico secondario. 12 Le mie risposte, e quella del terapeuta di un partecipante che “ha pianto più volte” durante il loro lavoro insieme, suggeriscono che questo è un fenomeno che i terapeuti dovranno considerare.

Inoltre, è mia convinzione che alcuni clinici siano così psicologicamente investiti nelle proprie fisiologie normative, e così sfidati da corpi che violano le regole normative, da staccarsi dal trauma che sperimentano al pensiero di non avere corpi normativi. Questa negazione e dissociazione viene poi riprodotta a livello istituzionale attraverso i protocolli di trattamento che impongono un genere binario a tutte le persone. Questa ansia corporea suggerisce inoltre che la vergogna proiettata nei corpi intersex e la cospirazione del silenzio 13 che così spesso si riproduce tra medici, genitori e i loro figli intersex può essere replicata nella stanza della terapia quando la consapevolezza intersex non è esplicitata, né verbalmente dal terapeuta o nel loro materiale promozionale.

Sono questa vergogna pervasiva e il silenzio sulle vite intersex che credo siano alla base del commento di Seven sul sentirsi come se fossero “meno che umani”, rispetto ai loro terapisti. Allo stesso modo, Jo ha detto che è stato solo quando ha preso coscienza dell’attivismo intersex, diversi anni dopo aver iniziato la terapia, che ha sentito il suo corpo intersex e il suo senso di identità erano soggetti legittimi per la terapia, nonostante avesse passato anni a cercare di nascondere il viso con i capelli.

Infine, Suchet osserva che “(l’incarnazione lett.) identificarsi nel corpo non è un dato, ma un processo complesso di acquisizione di un senso di proprietà della propria carne materiale, un investimento nel sé corporeo”, e comprende che mentre è “influenzato da processi fisiologici, culturali e inconsci”, è anche “altamente sensibile alle interruzioni traumatiche “,14 come evidenziato nelle storie di tutti e cinque i co-partecipanti. Poiché l’intersoggettività è un processo incarnato 15, è importante che i professionisti pensino a come questo lavoro influenzerà il proprio senso di (“incarnazione” lett.) identificazione, oltre ad abbracciare la ricerca sulla costruzione sociale di sesso, genere e biologia. La storica della scienza, Alice Dreger, autrice di Hermaphrodites and the Medical Invention of Sex, ritiene che “il modo in cui scegliamo di classificare e delineare maschi e femmine (e altri) è fondamentalmente una decisione sociale … una decisione che alcuni chiamerebbero una costruzione sociale”. 16

Le principali conclusioni derivanti dalla mia ricerca hanno mostrato che l’integrità fisica e l’autonomia delle persone intersex sono state gravemente e ripetutamente compromesse attraverso pratiche di trattamento istituzionale e attraverso l’imposizione di sesso binario normativo e categorie di genere, ed è quindi fondamentale che venga fornita una terapia adeguata. Questa compromessa integrità fisica ha anche un impatto più ampio sugli amanti, i partner, le famiglie e gli amici delle persone intersex. Detto questo, c’è una significativa sfiducia nei confronti dei terapeuti e dei medici in generale, quindi è fortemente raccomandato che i terapeutisi istruiscano sulle identità e sui corpi di genere non normativi, così come sui protocolli di trattamento e sui conflitti legali, sociopolitici e culturali associati imposti a questo cliente gruppo.

L’ultima parola va a Seven, che consiglia quanto segue ai terapeuti che lavorano con clienti intersex: ‘Non importa quanto bravo sei un terapeuta, probabilmente sarai rifiutato, probabilmente proverai rabbia, probabilmente sperimenterai molti stati emotivi negativi, quindi hai davvero bisogno di essere radicato e non hai davvero bisogno di personalizzare quella roba.

L’autrice

Jane Czyzselska è una psicoterapeuta relazionale integrativa che lavora a Londra. Dopo aver lavorato per oltre 20 anni come giornalista, durante i quali è stata direttrice della rivista DIVA dal 2004 al 2017, si è impegnata ad amplificare le voci lesbiche, bisessuali, queer, non binarie, trans e intersex. Lavora con una vasta gamma di clienti eterosessuali e LGBTQI e scrive per una serie di pubblicazioni queer e non queer. Con l’attivista intersex e accademico Valentino Vecchietti, sta attualmente ideando un seminario per terapisti che vogliono saperne di più sul lavoro con i clienti intersex ed è appassionata della condivisione della conoscenza al servizio di fornire le migliori esperienze terapeutiche possibili per questo gruppo di clienti.

-Bibliografia ——————————————————————————————–
1. Roen K. “Ma dobbiamo fare qualcosa”: “correzione” chirurgica dei genitali atipici. Body Society 2008; 14: 47–66. 2. OII-UK Intersex nel Regno Unito. [Online.] Http://oiiuk.org/ (visitato il 3 febbraio 2018). 3. Nazioni Unite per l’uguaglianza LGBT. Scheda informativa: intersx. [Online.] Https://unfe.org/system/unfe-65-Intersex_Factsheet_ENGLISH.pdf (visitato il 3 febbraio 2018). 4. Czyzselska J. Comunità invisibili: realtà nascoste di persone intersex in terapia e modi sensibili di lavorare con questo gruppo di clienti; un’analisi fenomenologica interpretativa. Tesi di laurea magistrale inedita; 2016. 5. OII Australia. [Online.] Http://oii.org.au/ (consultato nel 2016). 6. Roen K. Incarnazione intersessuale: quando l’assistenza sanitaria significa mantenere i sessi binari. Sexual Health 2004; 1 (3): 127–130. 7. Rapporto Mendez J. del Relatore speciale sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti. Promozione e protezione di tutti i diritti umani, civili, politici, economici, sociali e culturali, compreso il diritto allo sviluppo. UN HRC; 013. [Online.] Http://www.ohchr.org/Documents/HRBodies/HRCouncil/RegularSession/Session22/A.HRC.22.53_English.pdf (visitato l’8 ottobre 2016). 8. Liao LM, Roen K. Intersex / DSD post-Chicago: nuovi sviluppi e sfide per gli psicologi. Psicologia e sessualità 2014; 5 (1): 1–4. 9. Schuetzman K, Brinkmann L, Schacht M, Richter-Appelt H. Disagio psicologico, comportamento autolesionista e tendenze suicide negli adulti con disturbi dello sviluppo sessuale. Archive of Sex Behavior 2009; 38: 16–33. 10. Leidolf EM. Il monologo della vagina mancante … e oltre. The Journal of Gay and Lesbian Psychotherapy 2006; 10 (2): 77–92. 11. Harper A, Finnerty P, Martinez M, Brace A, Crethar HC, Loos B, Harper B, Graham S, Singh A, Kocet M, Travis L, Lambert S, Burnes T, Dickey LM, Hammer TR. Competenze per la consulenza con individui lesbiche, gay, bisessuali, queer, intersex e alleati. Londra: Routledge; 2013. 12. Sanderson C. Introduzione alla consulenza alle vittime di traumi interpersonali. Londra: Jessica Kingsley Publishers; 2010. 13. Toal P. È un maschio o una femmina? L’esperienza vissuta degli individui intersex in Irlanda. Dublino: Dublin City University. Tesi di laurea magistrale inedita; 2014. 14. Suchet M. Crossing over. Dialoghi psicoanalitici: The International Journal of Relational Perspectives 2011; 21 (2): 172–191. 15. Reis B. Noi: commento su articoli di Trevarthen, Ammaniti & Trentini e Gallese. Dialoghi psicoanalitici: The International Journal of Relational Perspectives 2009; 19: 565–579. 16. Dreger AD. Gli ermafroditi e l’invenzione medica del sesso. Connecticut: Harvard University Press; 2000.