UGUAGLIANZA INTERSEX: L’ATTIVISTA VALENTINO VECCHIETTI SPIEGA PERCHÉ IL 2019 È L’ANNO CHE INCLUDE LA I [di intersex]

https://pocketmags.com/it/diva-magazine/january-2019/articles/500273/intersex-equality

Di Valentino Vecchietti Gennaio 2019

Sono una lesbica con i baffi e una piccola barba. Ho cercato di nascondere il fatto che alla pubertà, tra le altre cose, io sono diventata muscolosa ed è cresciuto il pelo in faccia. Quando è successo, ero a una scuola secondaria statale femminile, e sono stata vittima di bullismo per le cose questo mi ha resa diversa dalle altre ragazze.

A quel tempo, non avevo nemmeno avuto una conversazione con me stesso sulla mia sessualità – figuriamoci con chiunque altro – ma correttamente le altre ragazze immaginavo che fossi lesbica.

Prima della pubertà, ero stata vittima di bullismo perché provenivo da un lavoratore di classe povera, di famiglia immigrata; per non essere abbastanza inglese, per non essere abbastanza bianco. Ero abituata a essere vittima di bullismo. Ma il bullismo che ho subito durante la pubertà è stato più intenso.

Sono stata attaccata a causa di supposizioni sulla mia sessualità, e perché nonostante il mio cromosoma XX, semplicemente non sembravo abbastanza una femmina. Il bullismo non è finito qui.

Allo stesso tempo, anche una delle ragazze ha iniziato a dire che ero una puttana. Quindi per il tempo più lungo, ho avuto uno gruppo di ragazze che mi seguivano i corridoi mi chiamavano mostro e lesbica, chiedendomi perché mi stava crescendo la barba, o me lo diceva.

Sembravo un uomo. E un altro un gruppo di ragazze mi seguiva fuori altre aule mi dicevano che ero una troia. Avevo solo 14 anni.

Anche se sapevo di essere nata con differenze, non sapevo al tempo che ero intersex. Non avevo mai neanche sentito la parola prima. A partire da tutto quello che avevo imparato in ambito religioso, lezioni di educazione e di scienza, credevo ci potesse solo essere due sessi: maschio e femmina.

Non era che mi importasse dei cambiamenti che accadevano al mio corpo in pubertà: mi sono sembrate naturali, e mi piacevano. Il problema era quello altri adolescenti non stavano accettando di me, e che la scuola non fornisce supporto o istruzione per spiegare che è naturale l’intersex, le persone come me esistono. C’era anche nessuna educazione alla sessualità.

Quindi, sia per la mia variazione intersex che per la mia sessualità lesbica, lo ero vittima di bullismo e non ero supportata, non desideravo essere “curata”. Desideravo solo il permesso di esistere come ero, senza vergogna e senza stigma.

Nel Regno Unito oggi, i diritti LGB + e T sono supportati dalla legge. Ma da noi non hanno ottenuto simili diritti quelli nati intersex. I chirurghi nel Regno Unito continuano eseguire genitali non consensuali, non essenziali, dannosi, interventi chirurgici cosmetici su neonati e i bambini intersex. Loro dicono ai genitori che la chirurgia “normalizzerà” il loro bambino, così da proteggerli dal bullismo e lo stigma nella società. Essenzialmente, ci dice la professione medica, questi interventi chirurgici devono essere eseguiti perché la società non può accettarci. C’è molto di sbagliato in questo questa idea.

Nel Regno Unito, non forziamo minoranze a nascondersi o rendersi invisibili. Sappiamo che lo farebbe essere pregiudizievole esigere che la sessualità della persona LGB + o di identità transgender sia “normalizzata”, per renderlo tale con l’eterosessuale dominante o la maggioranza cis. Ne aumentiamo la consapevolezza per creare accettazione e inclusione, lo sosteniamo con la legislazione nella nostra legge sulle pari opportunità. E ancora alle persone intersex questo diritto fondamentale non viene concesso.

Le persone intersex sono la unica minoranza che viene modificate con la forza, conl’idea che dobbiamo forzare minoranze per nascondere le loro differenze per la loro sicurezza. Questa stessa idea è una forma di pregiudizio in sé, che perpetua lo stigma sociale, il bullismo e l’isolamento.

LE DEFINIZIONI

IGM (intersex genital mutilation): mutilazioni genitali intersex, descrive i genitali non consensuali, non essenziali, dannosi e cosmetici interventi chirurgici eseguiti su intersex neonati e bambini.

INTERFOBIA: la fobia violenta rivolta alle persone intersessuali. Se è perché siamo “letti” come esseri trans o queer, o perché lo siamo semplicemente, “lettii” come se fossimo diverso. Non credo che le persone intersex siano l’unica minoranza che la società non può accettare, né credo che qualsiasi persona legga questo articolo si sentirà a proprio agio nel sapere che questi interventi chirurgici non consensuali sono eseguita a nome di ciascuno di noi: perché siamo società.

I FATTI Circa l’1,7% (ihra.org.au/16601/intersex-numbers /) della popolazione è intersex: 129 milioni a livello globale. Nel Regno Unito è più di 1.1 un milione di persone.

Nel 2013, l’ONU ha descritto il trattamento delle persone intersex come “tortura” (ihra.org.au/21687/ tortura con trattamento forzato-normalizzante). Malta è l’unico paese a potersi permettere neonati e bambini intersex tutele con il genere Identità, espressione di genere e Legge sulle caratteristiche del sesso, 2015.

Oggi sono una persona, un’attivista intersex per i diritti umani, scrittrice e a oratrice pubblica. Io ho scoperto e ho anche identificato come lesbiche molte donne con la variante intersex. Ho anche scoperto gli abusi dei diritti umani. La mia esperienza è stata una sfida enorme, ma la mia fede nei diritti umani e nell’uguaglianza sono immancabili. Credo che le persone intersex dovrebbero essere inclusi e avere protezioni in tutti i settori della società. L’educazione sessuale nelle scuole dovrebbe riguardare la realtà e che noi esistiamo. E penso che l’attuale legislazione, che supporta e protegge i bambini LGBT nelle scuole, debba includere anche i bambini intersex. Quando io tengo seminari e parlo ad eventi pubblici, come la Tate Queer And Now della Gran Bretagna, spesso ho chiesto perché non c’è una legge nel Regno Unito per proteggere i bambini intersex. In parole povere, la professione medica non ascolterà gli attivisti intersex che fanno appello ai diritti umani. I legislatori rimandano alla professione medica. E i medici consigliano ai genitori di farlo [l’asportazione dei genitali] per mantenere la segretezza e il silenzio, che crea vergogna tra le persone intersex e le loro famiglie.

Mentre il pubblico rimane ignaro della nostra esistenza, non può sostenere la nostra causa e i nuovi genitori non possono prendere decisioni veramente informate sulle cure mediche dei loro figli intersex. Senza il sostegno pubblico, la legge non ci difenderà perché la legge sostiene le norme sociali e anche se l’intersex è una norma biologica non è una norma sociale, non può diventarlo finchè il pubblico non saprà che esistiamo. Quindi io credo che la sensibilizzazione sia essenziale per uguaglianza intersex. C’è una lunga strada da percorrere, ma le cose stanno cambiando. Sono una persona intersex coinvolta per l’Ufficio per le Pari Opportunità del governo del Regno Unito.

Per la prima volta nel 2018, hanno dichiarato l’intenzione di lanciare una richiesta di analisi. Anche l’attivismo intersex nel Regno Unito sta cambiando. Molte persone intersex si sono sentiti delusi dal vecchio modello di attivista intersex che si auto-nominano come organizzazione. Non sono stati eletti da noi per essere rappresentanti e non parlano per noi. Sono formati da individui con buone intenzioni, ma buone le intenzioni non portano sempre al progresso.

Ora, la collaborazione del movimento intersex del Regno Unito sta crescendo. È composto da singoli attivisti intersex che eccellono nei loro campi, e che collaborano tra loro. Questo nuovo modello di lavoro, di collaborazione ci ha permesso di raggiungere molti dei nostri obiettivi nell’ultimo anno. A luglio 2018 abbiamo avuto il primo Pride con l’inclusione di persone intersex di Londra. Leggi di più a tal proposito sul sito web DIVA all’indirizzo tinyurl.com/divaintersex.

In ottobre abbiamo tenuto il più grande evento per la Giornata sulla Sensibilizzazione sull’intersex [Intersex Awareness Day- 26 ottobre] del Regno Unito, organizzato dall’attivista intersex Anick Soni, a cui ho collaborato, insieme con l’attivista intersex Magda Rakita.

Anick mi ha chiesto di essere la consulente intersex per il suo nuovo film e per la Radio 1Xtra della BBC, “The Intersex Diaries” (bbc.co.uk/iplayer/episode/p06nk2kfradio-1-stories-the-intersex-diary).  Io ho lavorato con le produttrici Emily Dicks e Geej Gower, e sono stata davvero impressionata dalla loro dedizione per ottenere le cose giuste.

A novembre sono stata invitata dalla dott.ssa Susannah Cornwall (dell’University di Exeter) per fare un discorso finale. Io ho parlato in ricordo dei neonati, bambini e adulti intersex in tutto il mondo, passato e presente, che vengono uccisi, perdono la vita e sono danneggiati [mutilati], semplicemente per essere nati intersex. È stato così commovente apertamente rivolgersi a persone intersex, alleati e membri del pubblico. Parlare della nostra oppressione, non per amore della rabbia, ma per amore del ricordo e dell’amore, e per onorare la nostra esperienza di intersex.

La mia amica Sara Gillingham è l’attivista leader di intersex che lavora con la Chiesa cristiana nel Regno Unito. La Chiesa d’Inghilterra sta scrivendo un documento didattico intitolato “Living In Love and in Faith” (vivere nell’amore e nella fede). Sara, che ha vissuto la discriminazione nella chiesa, ha condiviso la sua esperienza vissuta e le preoccupazioni delle persone intersex con vescovi e alti funzionari. Lei dice: “C’è una lunga strada da percorrere, ma noi sono decisamente in movimento. “

Come la mia amica Sara, lo sono ottimista per il futuro e credo che con il sostegno pubblico possiamo fare 2019 l’anno dell’uguaglianza intersex

PUNTO DI VISTA DELLA REDATTRICE DI “DIVA” CARRIE LYELL SUL PERCHÉ INCLUDIAMO la  “ I “

“Se leggi DIVA regolarmente, noterai che noi usiamo una combinazione di acronimi per descrivere la nostra comunità. A volte è LGBT, a volte LGBTQ, a volte LGBTQIA +. Il nostro punto di vista, fino a questo punto, è stato quello di consentire ai nostri editorialisti e i collaboratori la libertà di usare qualsiasi raccolta di lettere che funziona meglio per loro. Tuttavia, a seguito di lunghe discussioni con attivisti compreso Valentino, abbiamo deciso ora è il momento di includere la “I” in modo coerente. Senza di essa, le persone intersex sono escluse da conversazioni sull’uguaglianza, senza finanziamento, e sono spesso invisibili nella nostra comunità e nella società più ampia. Ciò significa che promettiamo di essere dei bravi alleati dei nostri amici e colleghi intersex. Ciò significa includere quelle voci nella rivista su base regolare e impegnarsi con gli attivisti intersex, su come possiamo essere migliori. Crediamo che questa non sia semantica o “alfabeto zuppa”, ma una questione di diritti umani. Riguarda l’integrità del corpo. Pensiamo che questo apparentemente semplice atto di inclusione, possa alla fine portare a guadagnare uguali diritti per fermare gli interventi chirurgici dannosi ai genitali e non consensuali sui neonati e DIVA è orgogliosa di fare parte di questo movimento. “